Come arrivare a Carloforte e come girare l’isola: tutto ciò che vorresti sapere ma non hai mai osato chiedere

come arrivare a Carloforte

            In questo prezioso articolo potrai trovare tanti consigli per organizzare il tuo viaggio e scoprire come arrivare a Carloforte e quindi sull’Isola di San Pietro. Ogni paragrafo scioglie un dubbio!

Dove si trova l’Isola di San Pietro

            L’isola di San Pietro si trova nel sud ovest della Sardegna, al largo di Sant’Antioco e ha un unico centro abitato che si chiama Carloforte, con cui viene familiarmente indicata tutta l’isola.

            La nostra isola prende il nome dal Santo che a quanto pare fu costretto a farvi tappa durante una tempesta. Non solo l’isola deve il suo nome a San Pietro ma anche un pesce. Si dice che dentro la bocca di questo pesce l’Apostolo Pietro trovò la moneta d’argento necessaria per pagare la tassa di accesso al tempio. E le macchie presenti sui fianchi del pesce San Pietro ricorderebbero tale moneta, o rappresenterebbero le impronte delle dita dell’Apostolo.

Con quale mezzo di trasporto visitare l’Isola e Carloforte?

            Risolviamo subito una delle questioni più dubbiose: in macchina o a piedi? Come è preferibile visitare l’Isola, con quale mezzo di trasporto tra quelli a disposizione?

            Puoi visitare l’isola in macchina, a piedi, con i mezzi pubblici, in scooter e persino in calessino. Ti spiegheremo pro e contro delle alternative in questo paragrafo di approfondimento.

            La risposta non è univoca e dipende anche da quanti giorni volete o potete trascorrere sull’isola.

            Avere la macchina o noleggiare un mezzo di trasporto a Carloforte vi permetterà di avere massima libertà. La città è carina e regala tante sorprese, ma la maggior parte dei panorami e altrettante bellezze le potrete vedere in giro per l’isola. E non potervi avventurare in giro per tutta l’isola di San Pietro, una volta che siete arrivati fin lì, sarebbe un peccato.

            Inoltre restare legati ai mezzi pubblici a Carloforte significa perdere tanto tempo ad aspettare un bus e poter di fatto vedere solo alcune cose. Certo, se avete molti giorni le condizioni possono cambiare, perché avrete la possibilità di investire più tempo sugli spostamenti nei mezzi pubblici, senza troppi rimpianti per la perdita di tempo.

            Avendo solo uno o due giorni chiaramente è preferibile sfruttare il tempo e avere un mezzo privato.

Decidere come visitare Carloforte

            Riepiloghiamo:

–           se andate sull’Isola solo per un giorno e per vedere solo la città di Carloforte o ad esempio per partecipare ad una delle sagre del paese (quale ad esempio il girotonno, del quale parleremo più avanti) è meglio arrivare a Carloforte senza macchina. In ogni caso restereste molto probabilmente in città, dove c’è molto da fare e vedere, e non avrete il problema del parcheggio che probabilmente in certe giornate potrebbe presentarsi, nonostante i tanti parcheggi pubblici a disposizione;

–           se andate per un giorno ma intendete visitare anche il resto dell’isola dovete avere un mezzo privato per ottimizzare il tempo;

–           se andate per due giorni è preferibile avere un mezzo proprio, potrete spostarvi con la massima libertà e spenderete meno rispetto al noleggio sull’isola. Arrivare sull’Isola con la propria auto non è proibitivo, soprattutto se trovate un alloggio con parcheggio. Perciò, visto che siete arrivati con la macchina fino a Portovesme o a Calasetta, potrete arrivare a Carloforte e usare il vostro mezzo;

–           se andate sull’isola per una vacanza lunga potete valutare di legarvi ai mezzi pubblici per fare vita da spiaggia e noleggiare un mezzo occasionalmente per fare determinati giri. In ogni caso con numerosi giorni di vacanza il prezzo del trasporto dell’auto sull’isola viene velocemente ammortizzato rendendo conveniente arrivare a Carloforte con la propria auto. Inoltre i parcheggi pubblici gratuiti permettono di risparmiare su eventuali costi di parcheggio anche per lunghi periodi.

Come noleggiare un’auto, uno scooter o un calessino

            Sull’isola avrete la possibilità di noleggiare auto e scooter nella centrale via Roma oppure anche altri mezzi di ogni tipo quali divertenti calessini. Ad esempio provate in via Roma 14 da Luca Conte – Tel 0781 854141 oppure da D&G Motors in via dell’Osservatorio Astronomico 15 Tel 329 942 9628.

            È molto probabile che economicamente non vi convenga noleggiare l’auto rispetto ad arrivare con il vostro mezzo sull’isola, vedremo nei paragrafi successivi il dettaglio dei costi del traghetto.

            Se scegliete il noleggio potete decidere di volta in volta cosa vi convenga: l’auto se volete fare dei giri lunghi e avete molti oggetti da trasportare, lo scooter se viaggiate leggeri oppure il calessino stile ape car per fare dei giri divertenti per le zone più fotografabili del paese. In ogni caso il divertimento sarà assicurato dalle bellezze locali e dall’umore vacanziero.

Gli autobus pubblici

            Se vi trovate senza un mezzo vostro e volete girare con i bus pubblici la soluzione è l’autobus 825 che parte da piazza Vittorio Emanuele 27 a Carloforte. Troverete all’incirca una partenza all’ora a partire dalle 8 del mattino fino alle 19. Meglio chiedere sempre informazioni aggiornate al centro informazioni del porto (è una sorta di edicola circolare di legno scuro vicino all’attracco dei traghetti) perché ovviamente gli orari possono variare e la frequenza delle corse aumenta da metà giugno a metà settembre.

            Una volta partito dal capolinea l’autobus effettua le seguenti fermate:

Capolinea piazza Vittorio Emanuele 27 – Cimitero – Giunco -Girin – Punta Nera – Guidi – La Bobba – Le Colonne – Bivio Conca – Spalmatore – La Caletta – Carloforte Piazza Pegli – Macchione – Valacca – Pescetti – Bivio Conca – Spalmatore – La Caletta – Mandra – Paradiso – Commende – Tanche – Genarbi – Calafico – Capo Sandalo – Canalfondo -Taccarossa bivio – Calalunga – La Punta.

            I punti di rivendita dei biglietti sono:

– Edicola Cartolibreria “Dai Giurnoli” – Piazza Repubblica, 20;

– Nonsolotabacchi – Via Don Nicolò Segni, 83;

– La nuova posta – Via Palestro, 23;

Come arrivare sull’Isola di San Pietro?

            Per visitare Carloforte e l’Isola di San Pietro dovete prendere il traghetto. Si arriva in mezzora da Calasetta o una quarantina di minuti da Portovesme con traghetti di linea dove è possibile imbarcare le auto. Ecco il sito internet dove è possibile acquistare i biglietti e verificare gli orari aggiornati.

            In alta stagione è meglio prenotare in anticipo la traversata, soprattutto se volete portare l’auto, che è sempre meglio avere per poter godere appieno e in libertà di tutte le sfumature dell’isola. In bassa stagione potete prendere i biglietti direttamente al porto, ma occhio agli orari perché i traghetti potrebbero non essere così frequenti, quindi meglio sempre organizzarsi prima.

            Stesso discorso lo potete fare per i biglietti del ritorno. Considerate che a volte, anche se avete un biglietto diverso, potrete imbarcarvi prima, se ci sarà posto non vi faranno problemi. Se avete orari rigidi meglio comunque prenotare il ritorno, soprattutto in alta stagione, per non correre il rischio di restare bloccati nell’isola, anche se non sembra un rischio così brutto!

            Inoltre, per alcuni traghetti che trasportano carburante o altri materiali pericolosi, vi sentirete dire che i posti sono contingentati, anche se avrete prenotato. Quindi non arrivate all’ultimo al porto se non volete correre questo rischio, e guardate bene nel sito quando state prenotando, tali traghetti dovrebbero essere segnalati in rosso e programmati. Spesso vale la regola che “chi prima arriva prima sale e gli altri al traghetto successivo”.

Quanto costa prendere il traghetto per Carloforte

            Consultate il sito che vi abbiamo indicato per conoscere i prezzi aggiornati.

            Ad ogni modo, per una traversata estiva, da giugno a settembre, si spende circa 5 euro per adulto per tratta e dai 10 ai 16 euro per l’auto, secondo la lunghezza. Il prezzo è ridotto per bambini fino a 11 anni ed e gratis fino ai 3. Gli animali pagano 1 euro e comprare direttamente il biglietto completo di andata e ritorno comporta un piccolo vantaggio solo per il prezzo dei passeggeri, non per i mezzi di trasporto. Moto e scooter pagano dai 4 ai 7 euro a tratta. Le voci di costo risultano leggermente più economiche nel caso della traversata da Calasetta.

La traversata sul traghetto

            È tutto pronto per la vostra gita a Carloforte. Biglietti prenotati e in mano, anche per l’auto. Godetevi la traversata, speriamo che ci sia il sole e il mare sia calmo.

            Troverete delle belle panche all’interno oppure sul ponte. Probabilmente non saranno all’ombra perciò non dimenticatevi la crema solare e un cappellino (non fatevelo però portare via della brezza del mare).

            Arriverete in circa mezz’ora da Calasetta e 40 minuti da Portovesme. La traversata è un must trascorrerla nel ponte più alto per godersi ogni raggio di sole, ogni spruzzo del mare. Un gabbiano vi avviserà quando sarete in arrivo sulla terraferma. Non farete nemmeno in tempo a cominciare a rilassarvi davvero che molti locali cominceranno a scendere verso l’uscita, soprattutto chi ha auto al seguito.

            Vi state avvicinando alla cittadina di Carloforte, noterete i colori pastello della vita carlofortina, lo skyline con la collina, i palazzi rossi delle scuole in alto, davanti a voi l’incontro con il porticciolo turistico. Il fermento dell’arrivo, i lavoranti che organizzano lo sbarco e subito l’imbarco del nuovo traghetto in un continuo andirivieni. È il momento migliore quello dell’arrivo, già vedete le casette colorate affacciate sul porto, pregustate i sapori della Liguria in Sardegna.

Come arrivare a Carloforte: da Calasetta o Portovesme?

            Come arrivare a Carloforte? Dipende soprattutto da dove arrivate e dalla vostra destinazione successiva.

            La traversata ha una durata inferiore da Calasetta rispetto a Portovesme, 30 minuti contro 40. Però se arrivate da Cagliari la strada è più breve per arrivare a Portovesme, circa un’ora, contro l’ora e mezza da percorrere per arrivare da Cagliari all’imbarco di Calasetta.

            Se state facendo un viaggio itinerante verificate quale traversata fare al rientro per il prosieguo del vostro viaggio.

            Siete in vacanza e avete ancora tempo a disposizione? Ricordatevi di approfittare delle altre destinazioni dei dintorni, abbiamo scritto un capitolo finale di ispirazione per Sant’Antioco e Calasetta.

            Per proseguire con altre gite cerca le altre guide di babaviaggia oppure guarda nel nostro blog, troverai sicuramente altri consigli per visitare l’iglesiente. Se stai andando verso Cagliari ricordati della nostra guida di viaggio.

Le operazioni di imbarco e sbarco

            I traghetti che vanno e vengono da Carloforte sono molto comodi e imbarcare l’auto è piuttosto semplice. Non vengono richieste manovre assurde o pericolose. Lo preciso per chi magari ha avuto qualche esperienza particolare sui traghetti per la Sardegna e da quel momento è terrorizzato solo all’idea di imbarcarsi.

            Soprattutto nelle operazioni di imbarco e sbarco prestate molta attenzione alle istruzioni del personale di terra che vi segnalerà dove fare la fila in attesa dell’imbarco o dove andare una volta sbarcati. C’è molta gente e frenesia, il porto di Carloforte è nel bel mezzo della strada cittadina quindi vi saranno persone che attraversano la strada magari di fretta perché si stanno imbarcando o turisti con il naso all’insù. Siate cauti e pazienti e attenzione anche ovviamente alle segnalazioni stradali.

            A Carloforte la fila per l’imbarco è proprio nei pressi del traghetto, i passeggeri possono essere invitati dal personale a salire o scendere dal traghetto a piedi.

La nostra guida per Carloforte e per l’Isola di San Pietro

Ti sono piaciuti questi contenuti per visitare Carloforte? Se oltre a sapere come arrivare a Carloforte e come girare l’isola hai altri dubbi, prosegui la lettura. Nel blog troverai molti articoli dedicati a questa fantastica destinazione. Se hai fretta e vuoi uno strumento comodo per trasformare il tuo viaggio in un capolavoro clicca qui.

Condividi sui social:

Questo articolo ha 4 commenti

  1. Luca

    Spiegato tutto molto bene

    1. Babaviaggia

      Grazie mille Luca!

  2. micheel

    chiaro e semplice. grazie ciao

    1. Babaviaggia

      Grazie mille, sei gentilissimo!

Lascia un commento

Altri utenti interessati all’argomento hanno letto questi articoli

la Sartiglia di Oristano

La Sartiglia di Oristano

La Sartiglia di Oristano è una giostra equestre, una tradizione che ha circa 500 anni ed ancora oggi viene organizzata la domenica e il martedì